Burro chiarificato

Il burro chiarificato

Il burro classico contiene 83% di grasso del latte, 1% tra proteine e carboidrati, e 16% di acqua. Ma quando il burro viene utilizzato in cucina l’acqua evapora e provoca a volte problemi e imperfezioni: per questo motivo i grandi chef scelgono di chiarificarlo.

Chiarificare il burro significa togliergli la parte di acqua, di carboidrati e di proteine.

 

Perché scegliere il burro chiarificato?

 
  1. Il burro chiarificato dura di più

La presenza di acqua all’interno del burro accelera la sua scadenza. Togliendo l’acqua, il burro dura di più senza bisogno di nessun conservante o additivo. È proprio per questo motivo che la scadenza del burro chiarificato è molto più lunga.

 

  1. Il burro chiarificato rende di più

Quando si scalda il burro, l’acqua evapora e quindi si perde circa il 16% di quanto messo in pentola. Utilizzando il burro chiarificato non evapora nulla, e quindi se ne può usare circa il 16% in meno.

 

  1. Il burro chiarificato in padella non scoppietta

Quante volte, durante la frittura abbiamo sporcato i fornelli o il nostro vestito! Questo succede perché le gocce d’acqua presenti nel burro “scoppiettano” e schizzano. Cucinando con il burro chiarificato, che non contiene acqua, non avremo più questo problema.

 

  1. Il burro chiarificato non annerisce

Quando il burro viene usato in padella, dopo poco tempo si presentano dei puntini neri: si tratta dei carboidrati e delle proteine che sono bruciati. Il burro chiarificato non ne contiene e quindi tenderà a rimanere limpido ed a non “sporcare” le tue ricette.

 

  1. Il burro chiarificato ha un punto di fumo più alto

Questa è una caratteristica un po’ più tecnica ma non per questo meno importante. Infatti con il burro chiarificato si può friggere a temperature più alte, ottenendo fritture migliori.

 

  1. Il burro chiarificato non contiene lattosio

Il lattosio è un carboidrato che, assieme alle proteine ed all’acqua, viene eliminato durante la chiarificazione del burro.

Lascia un commento